Sull’intellettualità lucana di Paride Leporace

da ilquotidianoweb.it
18/06/2009

Sull’intellettualità lucana in «Che Basilicata fa» di Paride Leporace

Ci ha lasciato il poeta Vito Riviello uno dei massimi esponenti dell’intellettualità lucana. La notizia è stata diffusa nel pomeriggio dell’Ansa e crea fastidio il silenzio generale della Basilicata ufficiale su questa scomparsa. I poeti interessano poco. Non vengono celebrati né incoronati. La società moderna è distratta sulla poesia. Siamo grati a Riviello delle sue funambolerie dense di sarcasmo miste ad amarezza. Egli è stato tra i primi negli anni Sessanta a creare una frattura con il bozzetto neorealista che ha originato tanta buona neoletteratura lucana. Nella sua riflessione non è mancata neanche la critica al genocidio provocato dall’emigrazione di massa. Un tema caro anche a Maria Pina Ciancio, nata in Svizzera da genitori lucani. Dato di contesto che l’affratella con Andrea Di Consoli. Per Fara editore è in libreria il suo vibrante e garbato libretto minimalista “STORIE MINIME e una poesia per Rocco Scotellaro” dove si racconta ad un figlio da addormentare “la storia di un poeta che morì a trent’anni e che a venti era già giovane Sindaco di paese con il cuore rosso e l’anima di padre”. A proposito di Scotellaro un’altra donna intellettuale, Giuseppina Scognamiglio al poeta sindaco di Tricarico ha dedicato il ponderoso saggio “L’Arte della scrittura-La scrittura dell’arte” dove emerge un parallelo con il russo Esenin evidenziando molte affinità nelle biografie e nelle opere dei due poeti. E considerato che oggi l’abbiamo scritta tutta in cultura permettetemi di associare al saluto e all’omaggio del mezzo secolo del circolo “La Scaletta” che si festeggia in queste ore. A Matera da cinque decenni opera questa vivace fucina di sapere meridionale che ha segnato il protagonismo di Peppino Appella, De Ruggiero, Franco Palombo, Ortega, Melotti e Guerricchio e tanti altri scrittori, intellettuali e pittori che hanno posto questo luogo di cultura in relazione con altre straordinarie filiali della cultura italiana del Novecento. Anche questa è Basilicata. Auguri agli animatori de La Scaletta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...