Erika Ranfoni su “La ragazza con la valigia”

VIBRARTE RECENSIONI
Coordinamento Artisti Salentini
20-09-08

Poesia, linguaggio dell’anima. Poesia, trama di parole e di senso. Poesia, accadere di storie uniche ed irripetibili. Rivelazione poetica: questo l’opera di Maria Pina Ciancio. Un percorso di ricerca, quello narrato dall’autrice, capace di penetrare in profondità volti ed identità complesse. Volti segnati dalla trama pungente e sottile, del tempo e della memoria. Esplorazione di voci. Voci appenna accennate, appena sfiorate, ma forti e vibranti. Forti, come solo l’esperienza del tempo può plasmare. La Poesia di Maria Pina Ciancio rivela con decisione il potere proprio di ogni linguaggio poetico. Il potere immaginifico della Parola. La sua Poesia è un viaggio. Un viaggio su tracce di terra e di memoria, di materia e di cielo. La terra, con il suo odore acre e doloroso, è solo una parte della Rivelazione.
E’ solo una delle due vie,tracciate dal viaggio poetico. La terrestre identità di ciascuna delle storie narrate nasconde, tra le sue scure radici, la leggerezza di un soffio. Ogni pezzo di terra cela la forza di uno sguardo lanciato in uno spazio altro. Occhi custodi fedeli di ogni istante, colorato ancora di bianco. Occhi di luce sognante. Occhi d’anima annodata con forza alla luna. L’anima della Ragazza con la valigia stretta tra le mani. Mani, le sue, lievitate di terra e di luna.

Erika Ranfoni

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...