A Rionero in Vulture versi e musica nel reading di M. Pina Ciancio

da LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO
Cultura e Spettacoli, martedì 5 dicembre 2006

Serata di musica e poesia nell’Auditorium del Centro Sociale «Sacco » del programma socio-culturale dell ’Associazione Culturale «La cetra e la Lyra ».
Nel reading di poesie, coordinato da Elena Schifino, Maria Pina Ciancio, docente di lettere, nata in Svizzera ma da genitori lucani, è apparsa in tutta la sua immensa e profonda lucanità, traboccante di quell’amore viscerale tributato alla Basilicata, dove è tornata a vivere all’età di sette anni. Nel presentare la sua inedita (dovrebbe essere data alle stampe nella prossima primavera) raccolta di poesie e prose, dal titolo emblematico «La ragazza con la valigia », che è, poi, una delle poesie declamate. «Parte e ritorna ogni notte/ la valigia rossoazzurra/ rigonfia di stracci/e lo sguardo di terra /annodato alla luna ». «Sono anch ’io figlia dell ’emigrazione », ha specificato la giovane docente-poetessa-scrittrice. Il dramma dell’emigrazione «dramma per chi parte e per chi resta, perché è più difficile rimanere, poi, nei nostri paesi, quando c’è gente che va via », ha sottolineato. È il tema di fondo, questo, il
filo conduttore di tutta la sua opera artistica, alla ricerca sempre delle radici storiche della lucanità. Intermezzi musicali sono stati offerti dal New Modern Trio (Sergio Leopardi al sax, Sal Genovese al basso elettrico e Mario Calandrelli, alle percussioni).

Donato Di Lucchio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...